Frequently Asked Questions

Ask a new question
Faq

FAQ (frequently asked questions) Il ristorante molto spesso suscita domande e curiosità da parte dei nostri ospiti. In questa pagina ve ne riportiamo qualcuna.

So che gli uomini di religione ebraica portano la kippah (copricapo). Volete che al ristorante la indossino anche gli ospiti?

Non c’è nessun obbligo. Se fa piacere indossarla, la si trova all’ingresso del ristorante.

Back to top
Ho notato alcuni libri all’ingresso del ristorante. Cosa sono?

Sono copie della Birkat Amazon, la preghiera di ringraziamento che va recitata a fine pasto. Troverete anche l’edizione tradotta e spiegata in italiano

Back to top
Cosa sono le pergamene che donate agli ospiti?

La spiegazione del Kasher. Un piccolo souvenire culturale

Back to top
Che cosa vuol dire Shalom?

È una parola ebraica che vuol dire “pace”e che viene usata come saluto. Per intenderci equivale al “ciao” italiano.

Back to top
Che cosa è lo Shabbat?

È il giorno di riposo settimanale della religione ebraica. Inizia al tramonto del venerdì e termina al tramonto del sabato. Ecco perché siamo sempre chiusi venerdì a cena e sabato a pranzo.

Back to top
Sono intollerante al lattosio. Mi garantite che non usate latte e i suoi derivati?

Garantito. Siamo un ristorante bassarì glatt kosher e non serviamo in alcun modo il latte e i suoi derivati.

Back to top
Se vengo con la mia famiglia e ho un bambino piccolo che beve solo latte posso darglielo?

Sì, facendo attenzione che il latte non venga a contatto con le stoviglie del ristorante.

Back to top
Vorrei festeggiare il compleanno nel vostro ristorante: posso portare la torta?

No, per garantire il rispetto della kasherut nessun cibo può essere introdotto. Inoltre la nostra cuoca Esther propone deliziose torte per tutti i gusti.

Back to top
Sono vegetariana. Nel vostro menu proponete piatti senza alimenti di origine animale?

Certo. Ad esempio i falafel, polpettine fritte a base di ceci tritati con aglio e prezzemolo.

Back to top
Ho visto che servite la Coca Cola. Ma è kosher?

Sì, è stata certificata nel 1935 dal rabbino Tobias Geffen, l’unico a cui fu concesso di venire a conoscenza della segretissima ricetta.

Back to top